Soppalco in Legno: Tipologie, Prezzi e Burocrazia – Guida Completa

Il soppalco in legno è una struttura rialzata dal terreno che può essere sia ancorata alla pareti che sostenuta da apposite travi.

Queste strutture, costituite da una scala, una piattaforma ed una balaustra,  servono a creare un nuovo ambiente nella casa e sfruttare meglio gli spazi esistenti.

Il soppalco oltre ad essere funzionale deve anche integrarsi perfettamente con il resto della casa.  Esistono diverse tipologie di soppalco: in legno, ferro, vetro e muratura.

Inoltre occorre distinguere il soppalco fisso da quello removibile, il primo costituisce una zona dell’unità immobiliare, quello removibile invece non essendo un area abitabile, non necessita di autorizzazioni ma va montato in base alle esigenze per creare un area di studio o relax.

Va detto che il soppalco in in legno, rispetto agli altri materiali, ha una maggiore leggerezza, dona all’ambiente un tocco rustico ed ha pure il grande vantaggio di essere più leggero , quindi è più facile da sistemare, trasportare e realizzare.

Il soppalco è utile sopratutto per chi intende aumentare la superficie della propria abitazione e sfruttare la superficie in verticale. Se si vuole realizzare un soppalco in legno occorre per prima cosa conoscere la normativa vigente al riguardo.

Normativa sui soppalchi

Per quanto riguarda la normativa edilizia attuale sulla costruzione di  un soppalco, va detto che le varie dimensioni sono fissate in modo diverso in base al Regolamento Edilizio e di Igiene dei singoli comuni.

Per prima coda occorre distinguere  i soppalchi fissi abitabili e i soppalchi rimovibili o soppalchi d’arredo.

Per quanto riguardi i primi, l’altezza minima del soppalco dal pavimento e dal soffitto non può essere inferiore a 210-220 cm, quindi la zona da soppalcare deve essere di almeno 440-450 cm.soppalco in legno

Se si costruiscono soppalchi ad altezze inferiori a quelle stabilite per legge, tali soppalchi non sono ritenuti abitabili, e quindi vanno usati come cantine o ripostigli.

Secondo il Regolamento d’Igiene, stabilisce la superficie soppalcata non può superare 1/3 della superficie intera del locale e che deve  avere almeno un lato completamente aperto. L’altezza minima della zona sottostante il soppalco dev’essere di  240 cm se il soppalco deve essere attrezzato.

Inoltre al fine di garantire la corretta circolazione di aria e luce, la superficie finestrata del locale  non può essere inferiore a 1/8 della superficie della stanza soppalcata.

Infine, il progetto va presentato all’Ufficio Tecnico del proprio Comune, tramite un professionista e dopo aver ultimato i lavori questi vanno documentati all’Ufficio del Catasto.

Tipi e usi di un soppalco

Il soppalco in legno, risulta la soluzione più comoda e semplice. Esso si può costruire semplicemente  appoggiando una piattaforma composta da una successione di tavole di legno su tre travi ancorate con delle staffe metalliche o su montanti appoggiati verticalmente alla parete.

In quest’ultimo caso l’ ancoraggio ai muri, ha il grande vantaggio di lasciare del tutto libero tenere lo spazio inferiore.

Le travi portanti che possono essere in legno o in ferro, vanno montate una aderente al muro, una centrale ed un altra sul lato che rimane aperto. Inoltre dopo aver montato la struttura si dovrebbe usare una vernice protettiva sulle tavole o una moquette di rivestimento.

soppalco

I vantaggi di un soppalco in legno, oltre leggerezza e comodità, sono che risultano essere ecosostenibili, isolanti, e molto resistenti agli sbalzi termici. Gli unici svantaggi dei soppalchi in legno sono che  vibrano e che scricchiolano.

Per quanto concerne il soppalco in legno per garage, occorre sapere che se si dispone di un garage molto alto, un soppalco è utile per creare un deposito attrezzi all’interno della casa. Per costruire un soppalco per garage  occorre chiedere le indicazioni sulle norme vigenti al proprio comune di residenza, e poi procedere con la creazione e montaggio del soppalco.

Il soppalco tutto in ferro o  con pavimento in legno, è la scelta ideale se si vuole realizzare un nuovo ambiente moderno ed elegante.

Si tratta di un tipo di soppalco molto leggero, di semplice realizzazione che va montato usando dei profilati d’acciaio o tramite dei blocchi in ferro saldati tra loro o collegati da bulloni.

Tale tipologia di soppalco va montata ancorando la piattaforma alle pareti o  semplicemente appoggiandola a dei pilastri fissati al pavimento. Inoltre il soppalco di metallo può reggere un peso limite di 400 chili al metro quadro.

Altri tipi di soppalco

Il soppalco in vetro, è fatto da una struttura portante di travi o di quadrati di ferro, su cui vengono poste delle lastre di vetro di circa 4 cm. Questo vetro strutturale, lo stesso di quello usato per  finestre anti-sfondamento, è un materiale molto moderno e resistente, è costituito più lastre incollate tra loro tramite dei fogli adesivi fini.

Il soppalco in muratura è la soluzione migliore se si dispone di un ambiente  molto alto , dato che ha  piattaforma più spessa.

Questo tipo di struttura è fatta con travi prefabbricate in cemento armato sopra le quali sistemare  le tavelle di chiusura in laterizio e poi  si getta del calcestruzzo per uniformare i carichi.

Tale struttura va fissata direttamente al muro portante avente una profondità di circa 30-40 cm, ma se non sono abbastanza spessi lo si può  appoggiare  su pilastri verticali rinforzanti.

Una volta terminati i lavori per la realizzazione di un soppalco in legno, occorre scegliere come utilizzarlo, si può optare per una zona relax con cuscini e lampade, una zona notte su cui mettere un letto basso, una tenda e comodini, una zona giorno o di studio con divano e libreria, una palestra in casa con tutti gli attrezzi necessari, o una stanza per gli ospiti dove inserire un tv e comode poltrone.

soppalco

Case con soppalco fai da te

Se si vuole realizzare un soppalco in legno fai da te, occorre seguire i passi procedurali qui elencati.

  • Per prima cosa occorre procurarsi delle travi , delle staffe in ferro ed un metro;
  • Una volta deciso il materiale con cui fare tale struttura sopraelevata, occorre misurare l’altezza che da terra va verso il soffitto;
  • La prima zona da costruire è quella della piattaforma;
  • Terminata la piattaforma, va ancorare alle pareti o al pavimento, aggiungendo delle travi di sostegno, collocate nei muri portanti con staffe di ferro.

Costi di un soppalco in legno

Il costo di un soppalco in legno è piuttosto variale, e ciò dipende dai diversi modelli e dai materiali utilizzati.

L’abete è sicuramente il materiale più economico, ma se si sceglie il faggio o il rovere il prezzo sale.

La scala, a chiocciola rispetto alla tradizionale è più economica e meno ingombrante. potrebbe risultare preferibile per motivi di costi e spazio, ma non è amato da molti.

In genere, per un soppalco di circa circa trenta metri quadri, i costi complessivi si aggirano sugli 8000 ed i 10000 mila euro.

Nello specifico servono circa 150 euro a metro quadro per creare la base, dai 1500 ai 2000 euro per la scala e di circa 800 euro per la balaustra.

Ricordate di includere nel preventivo anche eventuali vernici ed impegnanti per il legno.

soppalco

Iter burocratico per la realizzazione di un soppalco

L’iter burocratico per creare un’area soppalcata, prevede:

  • la presentazione della pratica edilizia, a cui occorre allegare a documentazione sismica prevista per tutte le strutture con dimensioni inferiori a 20 mq. Tale documentazione sismica deve contenere una dichiarazione specifica firmata e timbrata dal progettista, una tavola grafica in cui sono segnate le quote, le piante e le sezioni del progetto e la relazione tecnica in cui si descrive l’pera da realizzare nel suo complesso;
  • per i soppalchi con dimensioni superiori a 20 mq, è e necessario il deposito da parte di un ingegnere o architetto del progetto strutturale con relativa relazione di calcolo.

Per approfondire i temi legati alla normativa, ecco u n paio di articoli:

Buon lavoro!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here